Silvio Levi scrive

Ruolo del profumo nella comunicazione personale

L'utilizzo del profumo come "strumento" di comunicazione ha origini antichissime sebbene il suo ruolo si sia negli anni modificato. Potente messaggero del nostro modo d'essere, va scelto con estrema attenzione.

I profumi hanno un ruolo speciale nella comunicazione personale. Spesso sottostimato, questo loro aspetto ha radici ben più lontane di quanto si immagini. Nella scia profumata che segna la storia dell'uomo molti grandi personaggi da Salomone a Napoleone, per giungere oggi a attori, calciatori e imprenditori, hanno scelto il loro ambasciatore profumato personale. All'apertura della tomba di Tutankamon 1) le fragranze erano ancora percepibili a 3.300 anni dalla sepoltura! Ai sudditi abbienti era addirittura imposto di profumarsi almeno una volta al giorno e nei geroglifici sono raffigurate donne con dei coni di cera sulla testa che col calore si scioglievano e disperdevano queste preparazioni ricche di fragranze sul corpo, idratando e profumando la pelle delle egiziane. Ai tempi di Cleopatra2) il profumo noto col nome di Kyphi era molto apprezzato. La Persia era famosa per le sue Rose di Damasco e per l'uso dei bagni profumati e fu coi greci che apparvero i primi profumi liquidi in olio ampiamente utilizzati ad esempio dagli atleti. Presso i Romani, quando si cominciò ad estendere l'Impero, nelle terme apparvero gli oli profumati per massaggi e le fumigazioni con incensi e si giunse ad un uso talmente eccessivo al punto che  Plinio3) lamentava : "Secondo le stime più ottimistiche, ci sono cento milioni di sesterzi all'anno che vengono sottratti al (bilancio del) nostro impero da India, Cina e Penisola Arabica" 4). Se facciamo un salto fino al Medio Evo, come riporta nel suo libro "Les sens du parfum", il grande profumiere Guy Robert 5)  scrive: "L'Eau de Chypre Rouge nel XI secolo era composta da rosa di Damasco, muschio della Cina, legno di sandalo delle Indie, chiodi di garofano di Zanzibar, ambra del Golfo Persico, aloe e zibetto di Abissinia. Se avessero aggiunto un poco di patchouli avrebbero realizzato Opium." Fu nel 1190  che il Re Filippo II Augusto di Francia6) istituisce la Corporazione dei Guantai e Profumieri dando di fatto riconoscimento ufficiale  alla profumeria moderna. Credo basti fermarsi qui per comprendere come il  profumo sia in gran parte passato dal suo ruolo di comunicazione tra terreno e divino a comunicazione tra gli uomini. E questa comunicazione,  molto più complessa ed elaborata di quanto si pensi, è oggi oggetto di attentissimo studio soprattutto nell'ambito del marketing olfattivo e delle tecniche motivazionali. Molti negozi oggi caratterizzano i loro spazi con profumi-logo (ad esempio Colette o Abercrombie) e grandi aziende utilizzano nei luoghi di lavoro le fragranze a scopo motivazionale.

Ognuno di noi riceve messaggi caratteristici e indicativi al solo osservare o ascoltare una persona. Il suo abbigliamento, gli accessori scelti, il taglio dei capelli, la gestualità e la postura, il tono della voce ci forniscono certamente degli indizi su carattere, posizione sociale, atteggiamento cordiale o aggressivo, conformità al comune senso estetico o contrapposizione ad esso. E' evidente che ci aspettiamo che anche il profumo che percepiamo su questa persona sia coerente con le sensazioni e le opinioni che ci siamo fatti e che se, invece, non sarà così nascerà nel nostro intimo un sentimento di sospetto o quantomeno saremo indotti a essere prudenti nell'approccio. Da qui nasce la sempre più sentita esigenza di scegliere il proprio profumo con maggior attenzione perché è uno dei messaggi che ci caratterizza come individui come stile personale. Scegliamo quindi con molta attenzione e onestà d'animo il nostro profumo.

Silvio Levi

  1. Tutankamon 1355 a.C.-1346 a.C.
  2. Cleopatra 69 a.C.-30 a.C.
  3. Plinio (23 d.C.-79 d.C)Storia Naturale XII, 84
  4. Se si considera che a quei tempi un sesterzio era il salario medio giornaliero di un manovale, possiamo farci un'idea della quantità di sostanze odorose che venivano importate!
  5. Les sens du parfum - Guy Robert Editions Osman Eyrolles Santè&Société ISBN 2-7464-0187-8
  6. Filippo II Augusto di Francia 1165-1223

Ultimi di Silvio Levi

Musica e Fragranze

Può capitare che qualcuno vi dica di ascoltare un profumo. Potrebbe sembrare assurdo usare l’udito per apprezzare un odore e infatti è più che altro un modo di dire, ma in verità c’è chi davvero «sente» un odore come un suono.

È uno dei casi della cosiddetta sinestesia, ovvero la sovrapposizione di sensi diversi in un’unica percezione o «fenomeno psichico consistente nell’insorgenza di una sensazione (auditiva, visiva ecc.) in concomitanza con una percezione di natura sensoriale...

Un legame di moda

Parlando di profumo vengono facilmente alla mente marchi dell’Alta Moda e, in effetti, moltissimi di essi sono direttamente o indirettamente legati al mondo del profumo.

Per avere un’idea della rilevanza economica di questo business Carla Seipp riporta come il volume attuale di fatturato della profumeria si aggiri attorno ai 27,5 miliardi di dollari e si stima possa raggiungere i 45,6 miliardi di dollari in cinque anni...

Sentori di felicità

Le fragranze fiorite come la primavera interpretate da uno dei maggiori esperti di profumi in Italia e presidente di Calé, azienda che distribuisce importanti marchi della Profumeria Artistica

In un boschetto di aranci, tra una molteplicità di fiori, si rallegrano Zefiro e Flora, che sta trasformandosi in Primavera contornata da Venere, Cupido, Mercurio e le tre  Grazie, Castità, Bellezza e Amore. Questa in breve la scena di un quadro del Botticelli...

Il linguaggio olfattivo

Il significato che un odore assume a latitudini diverse della Terra può essere molto differente in funzione dei fattori culturali e sociali che caratterizzano il luogo in cui lo si percepisce.

Quello che per noi è un buon odore può risultare poco piacevole ad altri. Basta pensare a piccole esperienze quotidiane. Per molte donne l’odore di acetone non è affatto sgradevole, mentre risulta spesso fastidioso per gli uomini. Per un amante di modellismo...

Tutti gli articoli di Silvio Levi